Tour Laos & Cambogia

Partenze garantite min. 2 partecipanti

da €1610,00


NOTE GENERALI
 

TOUR CON PARTENZE GARANTITE MINIMO 2 PARTECIPANTI

  • Le partenze sono sempre garantite con 2 partecipanti e prevedono date fisse di partenza.
  • La partenza dall’Italia è su base individuale. Il gruppo si forma sul posto e prevede il servizio di guida locale in lingua italiana (salvo ove diversamente indicato, in cui potrebbe essere bilingue).
  • Le quote di partecipazione dei tour non includono il costo del trasporto aereo. Quest’ultimo potrà essere prenotato individualmente oppure richiesto alla ns. organizzazione al momento della prenotazione del viaggio.



LAOS

Nome completo del paese: Repubblica Democratica Popolare del Laos

Superficie: 236.800 kmq

Popolazione: 6.217.141 abitanti (tasso di crescita demografica 2,44%)

Capitale: Vientiane (194.200 abitanti)

Popoli: 68% lao loum (lao delle pianure), 22% lao theung (di discendenza protomalese o mon-khmer, vivono sulle pendici delle montagne a media quota), 9% lao soung (tribù hmongo - meo - e yao - mien - che vivono ad alta quota), 1% vietnamiti e cinesi

Lingua: lao (uff.), francese

Religione: 60% buddhista, 38,5% animista e seguaci dei culti degli spiriti, 1,5% cristiana

Ordinamento dello stato: repubblica democratica popolare

Fuso orario: sette ore avanti rispetto al meridiano di Greenwich

Elettricità: 220V

Clima: Il periodo migliore per visitare il Laos è quello compreso tra novembre e febbraio, quando piove poco e non fa troppo caldo, e che è poi considerato, insieme al mese di agosto, il periodo di alta stagione. Se il vostri viaggio prevede escursioni in montagna, sono piacevoli anche i mesi di maggio e luglio. Durante la stagione delle piogge (da luglio a ottobre) le strade possono essere completamente invase dall'acqua, ma si può ricorrere ai numerosi trasporti fluviali. Sappiate comunque che il numero di turisti è relativamente basso in qualsiasi periodo dell'anno.

Valuta: Kip (KN)

Cucina: L'elemento principale di tutti i pasti laotiani è il riso e quasi tutti i piatti sono preparati con ingredienti freschi quali verdure, pesce d'acqua dolce, pollo, anatra, maiale, manzo o bufalo. Il succo di lime, la citronella e il coriandolo fresco conferiscono al cibo un caratteristico aroma pungente e per salare le pietanze vengono utilizzati vari preparati a base di pesce fermentato. Altri condimenti sono il peperoncino, l'aglio, la menta, le arachidi macinate, il succo di tamarindo, lo zenzero e il latte di cocco. I piatti sovente sono accompagnati da un contorno di lattuga, menta, coriandolo, germogli di mung, lime o basilico: si prende una foglia di lattuga e la si riempie con gli altri ingredienti formando un involtino. Il whisky di riso o lào-láo (liquore specialità del Laos) è una bevanda molto comune tra le popolazioni delle pianure. Viene in genere bevuto liscio, accompagnato da un bicchierino di acqua naturale. In Laos non è sicuro bere l'acqua di rubinetto, per cui è consigliabile consumare solo acqua in bottiglie sigillate oppure bevande calde. In alternativa l'acqua corrente può essere trattata facendola bollire per almeno 15 minuti, al fine di garantire la più efficace delle purificazioni.


VIETNAM

Nome completo del paese: Repubblica Socialista del Vietnam

Superficie: 329.560 kmq

Popolazione: 83.535.576 abitanti (tasso di crescita demografica 1%)

Capitale: Hanoi (1.396.500 abitanti, 2.543.700 nell'area metropolitana)

Popoli: 85-90% di etnia vietnamita (sei gruppi principali: karen, hmong, lahu, mien, akha, lisu), 3% di etnia cinese oltre a khmer, cham (discendenti dell'antico regno di Champa, di cultura indiana) e membri di 60 gruppi etno-linguistici (anche conosciuti come montagnard, ossia montanari in francese)

Lingua: vietnamita (ufficiale)

Religione: buddhista, taoista, confuciana, hoa hao, caodaista, musulmana e cristiana

Ordinamento dello stato: repubblica socialista

Fuso orario: sette ore avanti rispetto al meridiano di Greenwich

Elettricità: la maggioranza degli impianti funziona con una corrente alternata a 220V

Valuta: Dong. Si può cambiare valuta in quattro modi: in banca, negli uffici di cambio autorizzati, presso le reception degli alberghi e sul mercato nero. Il tasso di cambio più conveniente è quello praticato dalle banche, anche se gli uffici di cambio si trovano più a portata Adi mano e restano aperti più a lungo. br/>
Clima: Per andare in Vietnam non esiste un periodo migliore di un altro. Infatti, quando una regione è troppo piovosa o fredda, o incredibilmente afosa, c'è sempre un'altra zona in cui il tempo è sereno e si sta bene. Nel sud del paese si possono individuare con una certa approssimazione due stagioni: la stagione umida (da maggio a novembre, con alte punte di piovosità da giugno ad agosto) e la stagione secca (da dicembre ad aprile). Il periodo più caldo e umido è compreso tra la fine del mese di febbraio e maggio. La zona costiera centrale gode invece di un clima secco da giugno a ottobre. Anche nella parte settentrionale ci sono due stagioni: inverni freddi e piovosi (da novembre ad aprile) e calde estati (da maggio a ottobre). Naturalmente, le regioni montane sono più fresche di quelle costiere e durante l'inverno le temperature possono scendere anche sotto zero. Le zone centrali e settentrionali sono occasionalmente vittime di tifoni, specialmente tra giugno e novembre.

Cucina: La regola numero uno è stare attenti all’acqua. Il ghiaccio, in particolare, può rappresentare un rischio; quando non siete sicuri che l’acqua usata per produrlo fosse pura, evitatelo del tutto. La cucina vietnamita è particolarmente varia: si dice che vi siano almeno 500 piatti tradizionali, da quelli a base di carni esotiche come quelle di pipistrello, cobra e pangolino fino a fantasiose ricette vegetariane (spesso cucinate per contenere la stessa carne e il pesce). Il piatto classico vietnamita è però costituito da riso in bianco accompagnato da verdure, carne, pesce, spezie e intingoli vari. Tra gli spuntini più comuni vi sono gli involtini primavera e le frittelle di riso, oltre alle onnipresenti zuppe con anguille e vermicelli, pollo spezzettato e speziato. Tra i frutti più singolari ricordiamo il frutto del drago verde, il jojoba, i cachi, il longan, il mangostano, il pompelmo, la ciliegia a tre semi e la mela d'acqua. Per mangiare un piatto vietnamita bisogna prendere il riso da un piatto comune e metterlo nella propria ciotola. Con le bacchette, poi, si prende la carne, il pesce o le verdure dai piatti di portata e li si aggiunge al riso. Tenendo la ciotola vicino alla bocca, si usano le bacchette per mangiare. I vietnamiti sono sorpresi da chi lascia la ciotola sul tavolo e cerca di portare alla bocca il cibo precariamente tenuto con le bacchette: si tratta di una cosa che li diverte, ma non li offende. Una bevanda molto rinfrescante che potrete gustare in Vietnam è il latte di cocco. I vietnamiti credono però che il latte di cocco affatichi l'organismo. Gli atleti, per esempio, non lo bevono mai prima di una competizione. Un'altra specialità vietnamita, questa volta alcolica, è il vino di serpente (ruou ran). Si tratta di un vino di riso nel quale si trova un serpente sottaceto. Sembra che questo prodotto abbia proprietà tonificanti e si dice che curi qualsiasi disturbo...


CAMBOGIA

Nome completo del paese: Stato della Cambogia

Superficie: 181.040 kmq

Popolazione: 13.607.069 abitanti (tasso di crescita demografica 1,8%)

Capitale: Phnom Penh (1.169.800 abitanti)

Popoli: 90% khmer, 5% vietnamiti, 1% cinesi, 4% altri

Lingua: khmer (lingua ufficiale), francese

Religione: 95% buddhista theravada, 5% musulmana cham, cattolica, altre religioni

Ordinamento dello stato: monarchia costituzionale

Fuso orario: sette ore avanti rispetto al meridiano di Greenwich

Elettricità: 220V, 50Hz (fornitura elettrica instabile)

Valuta: riel (CR)

Cucina: In Cambogia non è sicuro bere l'acqua di rubinetto, per cui è consigliabile consumare solo acqua in bottiglie sigillate oppure bevande calde. In generale, la cucina khmer è simile a quella thailandese, ma fa uso di meno spezie. Un pasto cambogiano prevede quasi sempre la zuppa, mentre il pesce è senza dubbio il piatto principale: una specialità particolare è il pesce d'acqua dolce alla griglia, avvolto in foglie di lattuga o spinaci e poi immerso in una salsa a base di pesce e noci. Le 'insalate' sono spesso condite con coriandolo, menta e citronella: tre sapori che caratterizzano molti piatti della cucina cambogiana. La cottura quotidiana del pane risente molto dell'influenza francese. Tra i dolci segnaliamo la torta di riso, piuttosto appiccicosa, e il pudding preparato con i frutti dell'albero del pane.

Clima: I mesi ideali per visitare la Cambogia sono dicembre e gennaio, quando il tasso di umidità è sopportabile, le temperature più fresche e le precipitazioni meno abbondanti. Da febbraio in poi il caldo è più opprimente e in aprile diventa insopportabile. La stagione delle piogge (da maggio a ottobre), anche se parecchio umida, è un buon periodo per visitare Angkor: in questi mesi i fossati sono pieni e la vegetazione lussureggiante. State invece alla larga dalle regioni nord-orientali: in questa stagione le piste diventano veri e propri acquitrini e sono del tutto impraticabili.


Tour LAOS & CAMBOGIA
 

CALENDARIO
PARTENZE GARANTITE
2017

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
SOLO TOUR
9 giorni/8 notti

28 Gennaio

€ 1.610,00

11 – 25 Febbraio

€ 1.610,00

11 – 25 Marzo

€ 1.610,00

15 – 22 Aprile

€ 1.610,00

13 Maggio

€ 1.610,00

24 Giugno

€ 1.610,00

15 – 29 Luglio

€ 1.610,00

12 – 19 Agosto

€ 1.610,00

2 – 23 Settembre

€ 1.610,00

14 – 28 Ottobre

€ 1.610,00

11 – 25 Novembre

€ 1.610,00

23 (Natale) – 30 (Capodanno) Dicembre

€ 1.610,00

Supplementi

Visto d’ingresso (da pagare in loco)

$ 40 per Laos; $ 30 per Cambogia

Camera singola

€ 430,00 gen/apr – ott/dic

€ 355,00 mag/set

Quota di iscrizione € 40,00


Cambio applicato € 1 = $ 1,12
 

La quota di partecipazione comprende:

  • Volo domestico Luang Prabang/Siem Reap, incluse tasse aeroportuali - eventuali variazioni nelle tariffe aeree e nell’importo delle tasse aeroportuali saranno comunicati al momento dell’emissione dei biglietti aerei;
  • Trasferimenti aeroportuali;
  • Spostamenti in minibus o bus privato climatizzato;
  • Sistemazione negli alberghi indicati o similari di pari categoria;
  • Pasti come da programma (B = Breakfast/Colazione, L = Lunch/Pranzo, D = Dinner/Cena) – la cena prevista la sera di Natale e di Capodanno è una cena normale, non cenone;
  • Guide locali parlanti italiano;
  • Visite ed escursioni menzionate nel programma inclusi ingressi;
  • Assicurazione di viaggio medico-bagaglio;
  • Kit da viaggio.

 

La quota di partecipazione non comprende:

Trasporto aereo dall’Italia; Visto d’ingresso in Cambogia $ 30, in Laos $ 40 (da pagare all’arrivo nei Paesi); Bevande ai pasti e pasti non indicati nel programma; Mance (suggerite € 5 a persona al soggiorno per la guida, l’autista, il facchinaggio in albergo, barche, risciò, tuk tuk); Tutto quanto non menzionato alla voce “la quota di partecipazione comprende” e nel programma.

 

Luoghi

Alberghi

Categoria delle camere

Vientiane

Ansara ****

http://www.ansarahotel.com/

Savvy

Vangvieng

Silver Naga ***

http://www.silvernaga.com/

Deluxe

Luang Prabang

Villa Santi Hotel ****

http://www.villasantihotel.com/

Deluxe

Siem Reap

Damrei Angkor ****

http://www.damreiangkorhotel.com/

Deluxe Shower




  

 

 


Tour LAOS & CAMBOGIA
 

Giorno 1 : Sabato . Arrivo a Vientiane
Arrivo a Vientiane con il volo di mattino. Visita della capitale Laotiana:

-Vat Sisaket, che, nonostante l’influenza Siamese, conserva ancora un’impronta architettonica tutta sua. Il tempio piu’ grande di Vientiane, rimasto intatto e considerato, inoltre, il più bello grazie ai richiami stilistici con quello di Bangkok .

-Vat Phra Keo, eretto nel 1565 per ospitarvi all’interno il Budda di Smeraldo, è stato ricostruito nel 1942 mantenendo le caratteristiche originarie. Situato in un meraviglioso giardino, è ricordato per i suoi bassorilievi su legno e le eleganti colonne in stile Laotiano che vanno a sorreggere il tetto in stile Siamese.

-Pha That Louang, un vero capolavoro dell’architettura religiosa laotiana e considerato tutt’oggi uno dei simboli del Paese, in quanto testimonianza sia della forza del Buddismo che della sovranità del Laos. Uno degli aspetti più scenografici è l’immenso stupa interamente ricoperto di lamine d’oro, sopravvissuto all’attacco dei Siamesi, in seguito distrutto dai saccheggiatori Ho nel 1873 e infine ricostruito dai francesi nel 1930.

-Patuxai, il monumento commemorativo delle vittime della guerra. Il panorama dalla sua cima permette di ammirare Vientiane in tutto il suo inaspettato splendore.

-Talat Kua Din, il coloratissimo mercato locale che al contrario del più conosciuto mercato mattutino di Talat Sao, non è ancora stato ‘invaso’ dal turismo di massa.

Pasti liberi. Pernottamento in hotel.


Giorno 2 : Domenica. Vientiane - Vang Vieng (B,L,D) 156 Km – 3h30
Partenza per Vang Vieng. Lungo il tragitto visita di Vang Sang - luogo che ospita decine di Buddha risalenti al XVI secolo - e sosta presso alcuni villaggi per visitare i mercati locali. Pranzo in un ristorante locale.
Nel pomeriggio, breve trasferimento in auto per raggiungere il punto da cui si partirà per il trekking: una camminata di circa 1h30 lungo il fiume, al cospetto di imponenti picchi rocciosi, con soste lungo la strada per scoprire alcune grotte ancora poco conosciute dalle rotte del turismo più classico.
La giornata non può che terminare con la navigazione sul fiume Nam Song. A bordo di una imbarcazione locale, si potrà attraversare un paesaggio mozzafiato costellato di rocce carsiche: la mente dei viaggiatori più esperti correrà certamente a Hoa Lu, la ‘Halong Bay terrestre’ in Vietnam.
Cena in ristorante locale. Pernottamento in hotel.


Giorno 3 : Lunedì. Vang Vieng - Luang Prabang (B,L) 227 Km – 6h
Trasferimento diretto a Luang Prabang attraversando splendidi panorami di montagna. Pranzo in ristorante locale. Arrivo a Luang Prabang nel pomeriggio. In serata merita indubbiamente di essere esplorato il mercato notturno dell’etnia H’mong, che si svolge tutti i giorni lungo la via principale di Luang Prabang dalle 17 alle 22. Cena libera. Pernottamento in hotel.


Giorno 4 : Martedì . Visita di Luang Prabang (B,L,D)
Vi suggeriamo di svegliarvi presto, al sorgere dell’alba, per ammirare i monaci nel loro caratteristico abito color zafferano: dai tanti templi della città, affluiscono lungo le vie di Luang Prabang in una processione silenziosa per ricevere le offerte degli abitanti. Rispettateli, osservateli e cercate di non disturbarli.
Prima di rientrare in hotel, approfittate anche per fare una passeggiata al colorato mercato locale.
Dopo la colazione si comincia con le visite classiche della città in tuk tuk. Scoprirete in particolare:

- Palazzo Reale, oggi Museo Nazionale.

- Vat Xieng Thong – i Templi della città Reale, un vasto insieme di edifici sacri, uno dei gioielli dell'arte laotiana;

- Vat May - costruito alla fine del XVIII secolo, residenza del Supremo Patriarca Sangkharat, con le sue decorazioni sulla facciata principale e le monumentali porte scolpite in legno;

- Vat Sène: il primo monastero con il tetto ricoperto di tegole gialle e rosse.

Pranzo in un ristorante tipico con cucina asiatica.
Nel pomeriggio, raggiunto il molo ci si imbarca lungo il fiume Mekong: la crociera sarà l’occasione non solo per visitare le sacre grotte di Pak Ou, al cui interno sono custodite centinaia di statuine di Buddha, ma anche per godere – al rientro – dello spettacolo del tramonto sul fiume.
Il Laos è un Paese che conserva ancora una forte spiritualità e con un profondo senso di ospitalità. Vivete in prima persona questa realtà prendendo parte ad una cerimonia Baci (Soukhouan), una delle tradizioni più ancestrali del Laos. Durante la cerimonia – presso una casa locale - la persona officiante compirà una sorta di ‘chiamata a raccolta’ delle vostre anime: è credenza laotiana, infatti, che ogni essere umano abbia 32 anime, e ognuna di queste verrà interpellata per attirare tutte le influenze benefiche verso di voi. Cena presso la casa stessa. Pernottamento in hotel.


Giorno 5 : Mercoledì. Luang Prabang (B,L)
Oggi, per prima cosa, si avrà l’opportunità di visitare l’Elephant Camp. Quest’oasi protetta che sorge lungo il fiume Namkhan, è il luogo dove la natura, l’uomo e questi antichi mammiferi convivono in armonia, prendendosi cura reciprocamente l’uno dell’altro. In sella ad un merviglioso pachiderma si potrà ammirare dall’alto la maestosità della natura, fino a raggiungere il fiume Namkhan e proseguire in macchina fino alle cascate di Tad Sae, per fare una piacevole nuotata o un bagno rinfrescante (N.B. il periodo da Febbraio ad Agosto corrisponde alla stagione di secca).
Pranzo nei pressi delle cascate o pic nic nella foresta.
Il pomeriggio continua con un soft trekking (circa 3-4 ore) che condurrà fino a Khmu, per un’immersione nella vita quotidiana del villaggio: gli abitanti vivono in simbiosi con la natura, vivendo prevalentemete di pesca e agricoltura, comunicando tra di loro con una lingua diversa da quella che si parla nel resto del Paese. Il panorama è assolutamente mozzafiato: cime che superano i 1600 metri di altezza si stagliano tutt’intorno, ricoperte da una fitta giungla ove regna un silenzio surreale. Il ritorno a Luang Prabang sarà a bordo di un’imbarcazione locale lungo il fiume Nam Khan o via terra. Cena libera. Pernottamento in hotel.

Giorno 6 : Giovedì. Luang Prabang - Siem Reap (B)
Escursione alle cascate di Khouang Sy (circa 70 km – 1h). La strada è circondata da villaggi e risaie, che meritano uno stop durante il tragitto. Una volta raggiunte e ammirate le cascate, si potrà approfittare delle limpidissime acque per un bagno rinfrescante o fare una breve passeggiata nei dintorni.
Ritorno a Luang Prabang verso mezzogiorno. Volo nel pomeriggio per Siem Reap.
Arrivo e trasferimento in hotel. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.


Giorno 7 : Venerdì. Angkor Wat - Banteay Srei - Ta Prohm (B,L)
Appuntamento con la vostra guida in hotel per iniziare la scoperta del meraviglioso tempio di Angkor Wat, Patrimonio mondiale dell'umanità. Questo tempio è uno dei monumenti più straordinari mai concepiti dall’uomo, costruito nel XII secolo (1112-1152) in onore della divinità Vishnu. Nella religione induista, Vishnu è la divinità degli Spazi, nonché la seconda Persona della Trimurti (chiamata anche Trinità indù, composta da Brahma, Vishnu e Shiva).
Pranzo in ristorante tipico a base di cucina Khmer.
Nel pomeriggio visiterete il tempio di Banteay Srei, considerato uno dei gioielli dell'arte khmer. Costruito nel X secolo, questo piccolo tempio d'arenaria rosa, il cui nome significa “Cittadella delle donne", contiene capolavori di scultura ancora in buono stato di conservazione. André Malraux lo rese famoso all'inizio del XX secolo grazie al ritrovamento di alcune teste di apsara – ammalianti creature che raffiguravano l’ideale massimo di bellezza femminile - che tentò di trafugare, poi restituite alla comunità nel 1923.
Sulla via del ritorno, è prevista una sosta al vecchio monastero di Ta Prohm, dove giganteschi alberi secolari hanno messo le radici nelle pietre sovrastando le costruzioni circostanti. Oltre a questa imponente vegetazione, avrete modo di vedere delle splendide devatas – divinità femminili - scolpite nella roccia e vi troverete immersi nell'atmosfera tipica che permeava i templi costruiti sotto il regno di Jayavarman VII.
Ritorno in albergo per rilassarsi e prepararsi alla serata (7pm circa): Proprio alle spalle del Museo Nazionale di Angkor, uno spettacolo a metà tra circo e teatro: il ‘Phare, The Cambodian Circus’, unisce danza, musica moderna, arti acrobatiche e teatro per trasportare gli spettatori nella storia e nella vita quotidiana della Cambogia, attraverso travolgenti e toccanti performances artistiche di giovani talenti locali. Ad oggi, la testimonianza più autentica della lenta ma dignitosa rinascita di questo Popolo. Durata: circa 1h
Cena libera. Pernottamento in hotel.


Giorno 8 : Sabato. Siem Reap - Kongpong Kleang - Siem Reap (B,L,D)
Sveglia di prima mattina per raggiungere il villaggio galleggiante di Kompong Khleang, a circa un’ora di strada da Siem Reap e meta ogni anno di molti turisti. Kompong Khleang è uno degli esempi più emblematici di villaggio galleggiante: le case su palafitta sono tra le più alte e tra le più grandi fra tutti i villaggi che sorgono attorno al lago Tonle Sap. Giro a piedi nel villaggio per conoscere gli abitanti e ingresso in una casa dove abita una famiglia di allevatori di coccodrilli. In seguito, si sale su un’imbarcazione locale per la navigazione attraverso i canali alla volta del grande lago: gli abitanti spostano le proprie case a seconda delle stagioni e del livello dell’acqua. Ritorno al villaggio e pic-nic sul posto.

Alternativa per la stagione secca (da aprile fino a luglio):
In mattinata trasferimento al porto di Chong Khneas dove vi imbarcherete a bordo di una barca locale per scoprire la vita degli abitanti sul lago. Ritorno a Siem Reap verso la fine della mattinata. Pranzo presso un ristorante locale. Dopo il pranzo, ritorno a Siem Reap per la visita del gruppo Roluos.

Ritorno a Siem Reap nel pomeriggio. Scoperta di una delle città più antiche della regione: il gruppo Roluos. Inizierete con la visita dell’impressionante Tempio di Bakong del IX secolo. A seguire il tempio di Preah Ko e quello di Lolei, diventato oggi un piccolo monastero.

Cena in ristorante con spettacolo di danze “Apsara” (non privato). Pernottamento in hotel.


Giorno 9 : Domenica. Siem Reap - Angkor Thom - Partenza da Siem Reap (B)
La mattina, visita in tuk tuk di Angkor Thom (letteralmente ‘grande città’, un tempo capitale del regno di Jayavarman VII) cominciando con la barriera Sud e il famoso tempio di Bayon del XII, dedicato al buddismo. Il tempio – considerato una riproduzione del Monte Meru sacro agli induisti - è composto da circa 54 torri quadrangolari raffiguranti 216 visi del Dio Avalokitesvara. Si continua con la visita alla Terrazza degli elefanti - un’area di 350 metri a lato dell’imponente Piazza Reale, in passato luogo deputato alle cerimonie pubbliche – per finire con la Terrazza del re Lebbroso: costruita nel XII secolo, deve il suo nome al ritrovamento di una statua che ricordava l’immagine di un malato di lebbra.
La giornata non può che terminare con la visita del Museo Nazionale di Angkor: 8 gallerie in oltre 20.000mq dedicati all’antica civiltà di Angkor. Manufatti, incisioni, reperti religiosi e testimonianze dell’eccezionale evoluzione sociale di una delle più antiche popolazioni mai esistite.
Pranzo libero. Tempo libero fino al trasferimento all’aeroporto per il volo di rientro.
Le camere saranno disponibili fino a mezzogiorno.

 

LEGENDA
B= Prima colazione
L = Pranzo
d = Cena

 

Nota al programma: Il programma è indicativo e potrebbe subire modifiche relativamente all’ordine di svolgimento delle visite ed escursioni previste. Ferma restando la loro effettuazione.

 

Potrebbero interessarti anche

Dal 04/12/2017 al 28/02/2018

I Tesori della Cina: Pechino, Xian, Guilin, Shanghai (speciale inverno)

da 1.670,00 / a persona
Scopri
Dal 01/04/2017 al 31/12/2018

TAMIL NADU & SRI LANKA

da / a persona
Scopri
Dal 04/04/2017 al 30/10/2017

Da Dubai all'Indonesia

da 2.690,00 / a persona
Scopri
Dal 01/01/2018 al 31/12/2018

BIRMANIA TOUR CLASSICO + ESTENSIONE A SIEM REAP, CAMBOGIA (2018)

da 1.900,00 / a persona
Scopri